Beta Carotene: A Cosa Serve E In Quali Alimenti Si Trova?

0 87

Oggi approfondiremo l’argomento beta carotene e cosa comporta la sua assunzione per il nostro organismo. Il beta carotene fa parte della famiglia dei carotenoidi, una sorta di sostanza simile alla vitamina A.

Integrarlo nel nostro organismo è molto importante, soprattutto se siamo sprovvisti di vitamina A. Qui approfondiremo nello specifico quanto beta carotene possiamo effettivamente assumere, senza incorrere in qualche rischio.

Tratteremo anche i suoi benefici, che sono davvero molteplici, e le proprietà di cui è ricco.

Beta Carotene: Cos’è? A Cosa Serve?

Il Beta Carotene contiene Vitamina A, indispensabile per l’organismo

Le proprietà del beta carotene sono innumerevoli. All’interno di questa sostanza, si possono osservare proprietà antiossidanti. Inoltre, rimane una fonte alternativa per assumere vitamina A, nel caso foste vegetariani. La vitamina A è essenziale per il nostro organismo, perché le sue funzioni sono prettamente biologiche, come la sintesi di glicoproteine.

Una scarsa assunzione della vitamina A comporta gravi problemi all’organismo, in cui si possono riscontrare crescita anomala delle ossa e disturbi alla riproduzione.

Potrete assumere beta carotene servendovi di un integratore, oppure integrare nella vostra dieta alimentare i frutti e le verdure ricchi di questa sostanza.

Integratore Beta Carotene

Qual è un ottimo integratore presente sul mercato?

Amazon ci viene in soccorso, come sempre: è presente una lunghissima lista di integratori approvati e sicuri. Se state cercando un integratore adatto, Leppin fa per voi. Costa solo 11,90 e contiene 60 capsule Pro Vitamina A.

Il dosaggio consigliato è di una capsula al giorno da sciogliere in acqua.

Bestseller No. 1
Beta carotene, 25.000 unità internazionali, 180 capsule molli...
40 Recensioni
Beta carotene, 25.000 unità internazionali, 180 capsule molli...
  • Materia prima pura di origine naturale. Una capsula...
  • Elemento importante: il beta-carotene è un colorante...
  • Vantaggi particolari e facilità di assunzione:...
SaleBestseller No. 2
BETACAROTENE BRONZE PLUS Line@Diet - 2 MESI di trattamento - 60 CPR -...
81 Recensioni
BETACAROTENE BRONZE PLUS [email protected] - 2 MESI di trattamento - 60 CPR -...
  • Processo veloce per avere e mantenere una buona...
  • Prevenzione delle rughe, l’invecchiamento cutaneo ed...
  • Aiuto della vista debole e della visione notturna...
Integratore Beta Carotene Vegavero
Integratore Beta Carotene
Vegavero

Un altro ottimo integratore di betacarotene è quello di Vegavero (Amazon Choice – giudizio basato su vendite e recensioni degli utenti) che puoi trovare qui di seguito:

Alimenti Che Contengono Beta Carotene

Quali sono i cibi che possiamo mangiare per assumere il beta carotene?

Il beta carotene è una sostanza molto pigmentata; il suo colore spazia, infatti, dal rosso all’arancione. È presente in tantissimi cibi che conosciamo e di cui facciamo uso: cereali, frutti, oli, verdure a foglia verde, spinaci, albicocche, peperoni, zucca, patate dolci.

Naturalmente, si trova anche nelle carote, la cui radice del nome ha dato la terminologia esatta al beta carotene. La sua scoperta, infatti, si deve allo scienziato Wackenroder, che scoprì il composto nella radice della carota.

La verdura che vi abbiamo elencato dona numerosi benefici al nostro organismo, se assunta regolarmente. Inoltre assicura che il nostro corpo funzioni correttamente e che riceva il nutrimento di cui ha bisogno.

Le vitamine sono davvero fondamentali per l’organismo e per la rielaborazione degli organi.

Controindicazioni

Il beta carotene causa l’insorgere dei tumori?

Il beta carotene va assunto in dose giornaliera moderata, da 2 a 4 mg. Tuttavia, durante alcune ricerche e studi scientifici, è stato dimostrato che i fumatori che assumevano il beta carotene avevano più probabilità di sviluppare un cancro ai polmoni.

Alcune controindicazioni riguardano la sua assunzione smodata e possono essere molto gravi: è provato che possa causare il cancro alla prostata e problemi cardiovascolari.

Un altro effetto conseguente alla sua eccessiva presenza è il possibile blocco della capacità di recupero delle vitamine liposolubili; in pratica, il fegato non sarebbe più capace di rielaborare la vitamina D.

Comunque, non preoccupatevi: non c’è alcun rischio che ne diventiate dipendenti.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.