Calorie Patate: Valori Nutrizionali, Proprietà e Benefici

0 31

Calorie Patate e Patate Carboidrati: le patate sono da sempre considerate una fonte ricca di carboidrati, in pochi sanno però che in realtà sono una valida alternativa meno calorica e più completa sotto il punto di vista nutrizionale rispetto alla pasta o al riso.

In quest’articolo cercheremo dunque di trattare l’argomento nella maniera approfondita possibile, con indicazioni e consigli, domande e luoghi comuni sulle patate.

Le patate sono una fonte di carboidrati complessi: si stima che una porzione da 200 grammi di patate abbia circa il 40% in meno di calorie rispetto allo stesso quantitativo di pasta o di riso.

Confrontando la patata con pasta o riso, si può affermare tranquillamente che le patate hanno una maggiore quantità di vitamine, sali minerali e fibre, apportando il 63% dei valori nutrizionali di riferimento di Vitamina B6, il 38& di Vitamina C ed il 35% di acido folico, il 31% di niacina, il 57% di potassio ed il 15% di Magnesio.

Calorie Patate

Quando si parla di calorie delle patate bisogna chiaramente prendere in considerazione la tipologia di cottura. In questa sezione vedremo dunque il differente apporto calorico delle patate bollite (per le calorie patate bollite basta guardare il paragrafo dedicato alle patate lesse), delle patatine al forno e delle patatine fritte.

Patate Lesse Calorie

Patate Lesse Calorie
Patate Lesse Calorie

Per 100 grami di patate lesse o bollite vi sono circa 71 calorie. Alcuni siti riportano un valore più alto (86 calorie circa per le patate bollite senza buccia).

Queste calorie sono suddivise in:

  • Carboidrati: 79,53%
  • Grassi: 10,59%
  • Proteine: 9,88%

Usate spesso come contorno nutriente e semplice da preparare, le patate bollite o lesse sono uno dei piatti classici della tradizione italiana, piacciono a tutti e possono accompagnare sia i piatti a base di carne che i piatti a base di pesce.

Patatine al Forno Calorie

Spesso si cerca di rendere meno calorica le patatine preparandole al forno, ma in realtà, nonostante si diminuisca l’apporto calorico rispetto alle patatine fritte, le patatine al forno sono ben più caloriche delle patate lesse.

Per 100 grammi di patate circa, condite con un filo d’olio (7 grammi circa), del rosmarino, sale e pepe, si stimano circa 150 calorie, più del doppio delle calorie delle patate bollite!

Le patate al forno croccanti, tanto amate, sono dunque piuttosto caloriche e vanno consumare sempre senza esagerare. Per ottenere le patate croccanti il segreto è la scelta delle patate (meglio quelle a pasta gialla, sbucciate poco prima della cottura e tagliate in maniera uniforme, cotte in una teglia di metallo larga ed antiaderente), ricordando di mettere le patate nel forno già caldo e mescolare solo dopo i primi 12 – 15 minuti di cottura!

Patatine Fritte Calorie

Patatine Fritte Calorie
Patatine Fritte Calorie

Regine incontrastate, amate da grandi e piccini, una tira l’altra, ma quante calorie! Sì, per 100 grammi di patatine fritte ci sono circa 170 calorie!

Diciamoci la verità: se vogliamo perdere peso o mantenere la linea, sarebbe meglio mangiarle raramente ed evitare di cadere in tentazione! Bandite quindi da chi vuole perdere peso o da chi vuole evitare di prendere troppe calorie (a proposito di calorie giornaliere puoi leggere gli articoli “Calorie giornaliere per dimagrire” e “Calcolo fabbisogno calorico“).

Le Patatine fritte in busta sono cancerogene?

Si, sono altamente cancerogene. Ciò è dovuto al trattamento termico ad elevate temperature, con cui le patatine fritte vengono cucinate. Mangiare patatine fritte in busta fa male, perché contengono molecole nocive per la salute. La gran parte di queste molecole ha un effetto per niente positivo sul metabolismo, dunque, questo tipi di alimento è considerato un vero e proprio veleno per la salute umana.

Le patatine fritte in busta contengono acrilamide, che si forma dalla carbonizzazione dei glucidi. Inoltre, in seguito alla loro cottura si vengono a formare formaldeide e acroleina, che non è altro che il superamento del punto di fumo dell’olio che si utilizza per cucinarle.

Più nello specifico, ci riferiamo all’alterazione termica del glicerolo che si serve degli acidi grassi. In questo modo, questi acidi risultano tossici per il fegato, inoltre, trattandosi di acidi pure volatili, sono nocivi specialmente per le vie respiratorie e per gli occhi.

Le patate fritte, inoltre, sono ricche di idrocarburi aromatici policiclici. Come ben sappiamo le patate non contengono elevate quantità di proteine, ma quelle che presentano al loro interno possono essere nocive se fritte. Questo accade perché gli aminoacidi solfati ed eterociclici che le sfruttano, si modificano a casa delle temperature troppo elevate per la cottura. In questo caso, parliamo di composti cancerogeni per l’organismo.

Le patatine fritte fanno male?

Le patatine fritte fanno male all’organismo, se vengono cotte con alcuni tipi di oli. L’olio più adatto per la loro cottura dovrebbe essere ricco di grassi monoinsaturi, che non influisce sulle percentuali di colesterolo, e dovrebbe avere un elevato punto di fumo.

Come abbiamo visto poco fa, il punto di fumo è piuttosto importante perché, al di sopra di una determinata temperatura, l’olio inizia a bruciare, rilasciando sostanze negative e cancerogene. Quindi, per la cottura delle patatine fritte, bisogna preferire olio di oliva oppure olio di arachidi, e lasciare da parte olio di palma ecc.

L’olio d’oliva è il migliore per la cottura delle patatine fritte, perché il suo punto di fumo può raggiungere i 210 gradi. Inoltre, trattandosi di un olio ricco di grassi monoinsaturi e acido oleico, influisce in maniera positiva sulla percentuale di colesterolo. Come ben sappiamo, però, tutte le aziende che distribuiscono patatine fritte surgelate, non lavorano con oli salutari, ma utilizzano oli più nocivi perché economici. Per tal motivo, se si vuole fare uno strappo alla regola durante la dieta, conviene cucinare le patatine fritte a casa, ed evitare quelle prefritte, che fanno soltanto male alla salute.

In buona sostanza, se si desidera mangiare un fritto saporito o leggero, bisogna friggere le patatine con olio di elevata qualità: si all’olio di oliva e all’olio di arachidi. Per cucinarle, inoltre, ti consiglio 

Patate Dolci Calorie

Patate Dolci Calorie
Patate Dolci Calorie

Arriviamo dunque alle patate meno caloriche fra quelle che abbiamo visto fino ad ora, le patate dolci o patate americane, più dolci rispetto alle nostre patate e ricche di amido.

100 Grammi di patate dolci bollite apportano circa 80 calorie suddivise in carboidrati complessi, proteine (5% circa) e pochissimi grassi, tanto da essere considerato un alimento che può essere mangiato anche da chi è a dieta.

Calorie Gnocchi di Patate

Altro piatto gustoso ma un pò troppo calorico sono gli gnocchi di patate: si stima che, per 100 grammi di gnocchi ci siano circa 156 calorie.

Anche in questo caso dunque, meglio evitare di abbondare con il consumo di gnocchi, specialmente se si è a dieta!

Patate Valori Nutrizionali

Qui di seguito puoi trovare una comoda tabella che riporta i valori nutrizionali delle patate:

Fonte di Vitamina C, Flavonoidi, Potassio e Magnesio, le patate in realtà aiutano a combattere la ritenzione idrica ed il gonfiore.

Acqua78,50 g
Carboidrati17,90 g
Zuccheri0,4 g
Proteine2,1 g
Grassi1 g
Fibra totale1,6 g
Sodio7 mg
Potassio570 mg
Ferro0,6 mg
Calcio10 mg
Fosforo54 mg
Magnesio28 mg
Zinco1,24 mg
Rame0,19 mg
SelenioVariabile in base alla qualità
Vitamina B32,5 mg
Vitamina B20,4 mg
Vitamina A3 mg
Vitamina C15 mg

Proprietà delle Patate

Ricche di Vitamina C, le patate combattono i radicali liberi, mentre il potassio le rende molto utili contro l’ipertensione.

La patata è un alimento energetico e disinfiammante che favoriscono la formazione e l’espulsione delle feci.

Utili anche in presenza di emorroidi, di gastrite, ulcera allo stomaco e colite.

Le patate infine, appartenendo alla famiglia dei carboidrati complessi sono indicati anche nelle persone che soffrono di diabete.

Utilizzate anche come rimedio naturale per ustioni leggere (impacchi di fette di patate) e, sempre in ambito “cosmetico” la fecola di patate viene utilizzata come idratante della pelle secca.

Le Patate Fanno Ingrassare

Le Patate Fanno Ingrassare
Le Patate Fanno Ingrassare

Patate a dieta si possono mangiare? È vero che le patate fanno ingrassare? Secondo alcune ricerche effettuate in ambito medico, consumare patate può portare benefici all’organismo.

Pur essendo ricche di carboidrati, le patate contengono in realtà carboidrati a rapido assorbimento e se consumate con moderazione possono aiutare a mantenere una buona forma fisica.

Come hai visto dalla tabella qui sopra, le patate contengono diverse vitamine del gruppo B, e le vitamine del Gruppo B sono coinvolte nel metabolismo degli zuccheri, proteine e grassi.

Il motivo per cui si dice che le patate fanno ingrassare è che quando queste vengono riscaldate o meglio bollite in acqua, i granuli di amido gonfiano e fanno sì che le patate lesse abbiano un indice glicemico elevato (a tal proposito consigliamo la lettura dell’articolo dedicato ad indice glicemico e carico glicemico).

L’indice ed il carico glicemico sono i valori che bisogna tenere sotto controllo per evitare l’accumulo di grasso addominale.

In realtà dunque nessun alimento di per sé fa ingrassare se consumato con moderazione e secondo un regime alimentare vario ed equilibrato, è importante però sapere che sì, mangiare troppe patate può influire negativamente sulla linea.

Patate Per Dimagrire

Contrapposto a quanto scritto qui sopra, c’è chi dice che le patate fanno dimagrire.

Come è possibile? Come mai viene inserito in diverse diete dimagranti?

Semplice: secondo uno studio del 2010 effettuato dall‘University of California e dal National Center for Food Safety and Technology è emerso che 86 persone in sovrappeso che hanno seguito un regime alimentare all’interno del quale erano presenti fra le 5 e le 7 porzioni di patate a settimana hanno perso peso.

Le patate bollite hanno un alto indice di sazietà ed evita che le persone mangino di più.

Chiaramente è importante prendere degli accorgimenti: mangiare le patate bollite fredde e non quando sono calde, asociale ad alimenti proteici, non eccedere nel consumo, inserirle in un regime alimentare vario ed equilibrato.

Se quest’articolo ti è stato utile o ti è piaciuto metti mi piace, lascia un commento, oppure condividilo ora su Facebook, basta un clic sull’icona di Facebook a fine articolo!

Approfondimenti

Se hai trovato utile quest’articolo e vuoi approfondire puoi visitare la pagina di Selenella.it (famosa marca di patate italiane) dedicata proprio ai valori nutrizionali delle patate: https://www.selenella.it/valori-nutrizionali-patate/.

Per visionare le varie calorie degli alimenti il sito di riferimento in Italia è sicuramente il sito www.calorie.it.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.