Dieta Settimanale Per Disturbi di Gotta

2 1.099

Dieta Settimanale Per chi Soffre di Disturbi di Gotta – In questo articolo trovi una dieta settimanale che ti aiuterà a prevenire i disturbi dovuti da un’eccesso di acido urico, buona lettura.

Ci siamo già occupati dei problemi di gotta nell’articolo “Dieta Per Disturbi di Gotta“, in questo articolo invece cerchiamo di consigliare un regime alimentare per chi soffre di gotta e cerca soluzioni, rimedi o una dieta ipocalorica per ridurre i problemi di gotta, buona lettura.

Dieta Settimanale Per chi Soffre di Gotta:

 Menu del Lunedì

  • Pranzo: Risotto alle ortiche, roast beef, verdure fresche in insalata.
  • Cena: Pastina in brodo di dado, formaggi misti, melenzane gratinate.

Menu del Martedì

  • Pranzo: Spaghetti con sugo di pomodoro, frittata con zucchine, insalata.
  • Cena: Passato di verdure, prosciutto crudo magro, cipolline in agrodolce.

Menu del Mercoledì

  • Pranzo: Risotto ai quattro formaggi, ratatouille alla provenzale.
  • Cena: Passatelli in brodo, pomodori ripieni, verdure fresche in insalata.

Menu del Giovedì

  • Pranzo: Pasta fresca all’uovo al pomodoro, pollo arrosto, purè di patate.
  • Cena: Crema di pomodoro, ramequin al formaggio.

Menu del Venerdì

  • Pranzo: Trote al vapore, verdure fresche in insalata, crostata di mele.
  • Cena: Minestrone di verdure, peperoni ripieni.

Menu del Sabato

  • Pranzo: Polpettine in umido, carote lessate.
  • Cena: Riso dolce al latte, uovo alla coque, verdure fresche in insalata.

Menu della Domenica

  • Pranzo: Maccheroni all’uovo crudo, insalata caprese.
  • Cena: Orata arrosto, verdure miste lessate.

La Gotta

Hai un’elevato tasso di acido urico nel sangue? Cerchiamo di scoprire alcune delle cause scatenanti e come evitarli correggendo la nostra alimentazione ed il nostro regime alimentare. 

Iniziamo con il chiarire che l’alimentazione è un fattore scatenante gli attacchi di gotta solo nei soggetti che sono ereditariamente predisposti.

Una persona con questa malattia, che quindi ha un’elevato valore di acido urico nel sangue, deve stare attento anche a tavola. Eh si! Perchè in questi casi un pasto copioso e magari annaffiato con del buon vino, può scatenare i caratteristici attacchi dolorosi.

L’acido urico in eccesso nel sangue si và a depositare nelle articolazioni, a cominciare da quelle dei piedi, provocando questi dolori.

Allora è buona norma non eccedere con le quantità, cercando di non ingrassare e di non esagerare con grassi e proteine. Anche l’alcool è un vero e proprio “veleno” per le persone che soffrono di questa malattia.

L’acqua acquista un notevole valore nella gotta, bisogna bere moltissimo per aiutare l’eliminazione di acido urico con l’urina. Chi soffre di gotta deve fare molta attenzione ad alcuni zuccheri semplici che innalzano il livello di acido urico:

  • Fruttosio
  • Sorbitolo
  • Xilitolo.

Il fruttosio è contenuto nel miele e nella frutta, ma non per questo bisogna eliminarla, bensì ridurne il consumo.

Gotta Sintomi

La gotta è una malattia metabolica ereditaria. Quando si soffre di questo disturbo il livello di acido urico nel sangue (uricemia), aumenta oltre i valori medi.

Il regime dietetico può essere un valido aiuto per controllare questa malattia e consiste nell’eliminazione di tutti gli alimenti che favoriscono la formazione di acido urico.

Gli eccessi alimentari e l’alcool favoriscono la sua insorgenza principalmente nelle persona già predisposte per ereditarietà.

Alimenti vietati per chi soffre di gotta:

Acciughe, aringhe, sardine, crostacei, sgombri, salmone, animelle, fegato, cuore, rognone, cervello, oca, selvaggina, estratto di carne, brodo di carne, lievito, tutte le bevande alcoliche(vino, superalcolici, birra, liquori), miele, frutta secca, datteri.

Alimenti Da Limitare Quantitativamente:

Carne, pollame, salumi e insaccati, pesci, legumi(fagioli, lenticche, ceci, piselli, fave), cavolfiori spinaci, asparagi, funghi, frutta in genere.

AVVERTENZE:

  • Evitare l’assunzione di dolcificanti a base di fruttosio, sorbitolo, silitolo.
  • Abolire completamente gli alcolici.
  • Evitare pasti troppo abbondanti e ricchi di piatti a base di carne.
  • Cucinare senza l’aggiunta di grassi di condimento.
  • Bere molta acqua, preferibilmente oligominerale.

Come sempre, se questo articolo ti è piaciuto ricorda di condividerlo sui social network e lasciare il tuo commento, seguici anche sui social!

Se anche tu soffri di gotta e vuoi raccontare la tua esperienza, la tua dieta oppure dare altri consigli sei il benvenuto su Metodi per dimagrire.it, contribuirai a rendere questo articolo ancora più interessante ed utile!

2 Commenti
  1. Roberto dice

    Ottima informazione per chi deve cucinare.

    1. Redazione dice

      Ciao Roberto, grazie mille per il commento 🙂

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.