La Frutta fa Ingrassare?

0 9

La frutta fa ingrassare solo se consumata in maniera sbagliata, ovvero in momenti del giorno non adatti e per di più associata ad alimenti ad alto indice glicemico.

Per esempio un pasto a base di lasagne, carne al sugo e patate che termina con una banana è quanto di più sbagliato si possa mangiare se si è a dieta.

Ovviamente qui ti riportiamo come sempre indicazioni generiche per le quali non intendiamo entrare nello specifico di chiunque legga questo articolo e ora ti spieghiamo perché.

Calorie della Frutta 

Se la frutta fa ingrassare o meno è un argomento secondario rispetto a CHI mangia frutta e come la assume durante il giorno.

Un atleta che mangia una banana prima di andare a dormire non subirà lo stesso effetto di una persona abbondantemente sovrappeso.

Praticamente la frutta è quanto di più salutare esista in un supermercato (o quasi) dopo le verdure ma si può rivelare una falsa amica per chi sta tentando di seguire una dieta  a basso indice glicemico.

Gli zuccheri nel sangue ci devono pur essere ma in quantità limitate, per cui abbinare frutta zuccherina e pane bianco è una scelta piuttosto sbagliata.

Le calorie della frutta sono bassissime e non superano la quota cento o poco più.

Per esempio la mela è considerato un frutto a calorie negative perché quelle che impieghi per mangiarla e smaltirla sono meno di quelle che assumi di fatto mangiandola.

Quindi la frutta è ricca di nutrimenti e poco calorica ma contiene zucchero in forma di fruttosio che può far schizzare la glicemia e rallentare il metabolismo, ma non solo.

Frutta Meno Calorica          

In una dieta ipocalorica andrebbero preferite mele, pere, arance, pesche, ananas ma anche fragole, mirtilli pompelmo e zucca.

Questi sono anche indicati come spuntino a metà mattinata o metà pomeriggio e come parte della colazione.

La frutta meno calorica, in realtà, contiene anche meno zuccheri ed è un’ottima alleata non solo della dieta.

Difatti contiene fibre, proteine vegetali e nutrienti di prima qualità che ti aiutano a:

  • Depurare l’organismo
  • Contrastare la crescita dei radicali liberi
  • Migliorare le funzionalità intestinali
  • Migliorare l’aspetto di capelli e unghie
  • Correggere problemi di acidità della sudorazione
  • Sentire un piacevole senso di sazietà

Le Ciliegie Fanno Ingrassare?        

Ora che abbiamo capito in che modalità la frutta fa ingrassare passiamo ad un’atra domanda gettonata, ovvero quella sulle ciliegie.

Sono frutti assolutamente poco calorici che contano una sessantina di calorie per cento grammi.

Al loro interno trovi una gran varietà di vitamine e proteine oltre ai polifenoli che ci proteggono dallo stress ossidativo, ovvero l’invecchiamento.

Sono anche un’importante fonte di magnesio e potassio, contengono la fame e aiutano a idratare il corpo.

Per queste ragioni possiamo tranquillizzarti sul fatto che no, le ciliegie non fanno ingrassare, semmai il contrario.

Per questo potrai usarle come spuntino o come piccola porzione a fine pasto ma senza mai esagerare.

Come vedremo nel prossimo paragrafo mangiare troppa frutta è sempre sconsigliato.  

Mangiare Troppa Frutta

Mangiare troppa frutta è sbagliato da un punto di vista igienico dato che l’agricoltura prevede l’impiego di prodotti chimici per massimizzare le produzioni.

Inoltre l’eccesso di fruttosio può dare problemi nei soggetti interessati da dismetabolismo e nefropatie.

A questo si aggiunge l’alta presenza di molecole anti-nutrizionali che possono comportare patologie legate al cosiddetto malassorbimento nutrizionale, anche in virtù degli eccessi di fibra alimentare.

Come per ogni alimento, quindi, vale la regola della giusta quantità.

Una buona dieta deve variare, comprendere la maggior quantità possibile di alimenti e non esagerare nelle porzioni.

La pizza, per esempio, non fa male se consumata una tantum.

Se invece mangi sempre e solo pizza avrai molto probabilmente problemi di peso, colesterolo e nutrizione.

Come per la domanda “La Frutta fa Ingrassare“, anche in questo caso non si può rispondere in maniera netta perché tutto dipende da come e quanta frutta mangi, nonché da dove la compri.

I Cachi fanno ingrassare?

In autunno i cachi affollano gli scaffali dei super mercati dato che è la stagione prediletta di raccolta.

Sono dolci e morbidi, perfetti come spuntino o come ingrediente per dolci, estratti e centrifugati.

A livello nutrizionale sono una vera fonte di vitamine e se consumati con attenzione fanno bene anche a chi è a dieta.

Nei cachi trovi potassio e vitamine C che servono a contrastare la cellulite, a migliorare la salute del fegato e ad espellere le tossine.

I cachi regolarizzano l’intestino e stimolano la diuresi, per cui sono il frutto ideale da utilizzare dopo periodi in cui abbiamo esagerato un po’ troppo a tavola.

Per una porzione di cento grammi prendi solamente settanta calorie ma vanno consigliati con moderazione, massimo uno al giorno per capirci.

Consumali nello spuntino o a colazione e mai dopo pranzo o dopo cena per evitare di fare il pieno di zuccheri.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.