Latte: Proprietà e Benefici

latte-proprietà-e-benefici
0 10

Latte: Proprietà e Benefici – Considerato uno tra gli alimenti più completi in assoluto, il latte, poco calorico e dotato di moltissimi nutrienti essenziali per l’organismo umano, vanta di ricche quantità di vitamine, tra le quali vediamo la presenza della vitamina A, quelle appartenenti al gruppo B, D ed E. Scopriamo insieme tutti i suoi benefici!

Consumato a qualsiasi età, il latte si rivela uno fra i migliori integratori naturali per gli sportivi, in quanto apporta moltissimi benefici all’apparato scheletrico.

Perché il latte fa così bene? Semplice, perché al suo interno troviamo una serie di nutrienti essenziali per il corpo umano, come il calcio, presente in ricche quantità e una serie di vitamine importanti per il corretto funzionamento dell’organismo.

Proprietà e Benefici

Quali sono i molteplici benefici che si possono ottenere consumando regolarmente latte? I benefici che si possono ottenere consumando regolarmente latte, sono davvero molti, in quanto questo speciale alimento contiene una vasta gamma di nutrienti essenziali per l’intero organismo umano.

latte-bambini

Infatti, è ricco di calcio e, potassio, proteine, magnesio, fosforo e soprattutto caseina. Dunque, grazie alla sua particolare formulazione, il latte si caratterizza da un profilo nutrizionale davvero elevato, anche se si differenzia da numerose tipologie. Allora, scopriamo insieme le sue proprietà benefiche!

Proprietà Rigeneranti per le Ossa

Trattandosi di un prodotto contenente una ricca percentuale di calcio e fosforo, il latte contribuisce al corretto sviluppo delle ossa, mantenendo in forma l’intero apparato scheletrico, e proteggendole allo stesso tempo dalle patologie che si riscontrano, specialmente, in età avanzata o in determinati periodi della vita.

Dunque, grazie alle notevoli quantità di calcio, il latte fa bene alle ossa, proteggendole dall’osteoporosi, una malattia che colpisce in particolar modo gli anziani e le donne in menopausa.

Proprietà Benefiche per il Sistema Cardiovascolare

Grazie alla sua speciale formulazione, ricca di proteine, vitamine e minerali importanti, il latte è in grado di apportare notevoli benefici anche all’apparato cardiovascolare, proteggendolo dalle patologie che possono colpirlo, come per esempio l’infarto.

I suoi benefici, in questo caso, devono essere attribuiti alla ricca percentuale di calcio in esso presente, che a sua volta si occupa della riduzione di colesterolo cattivo (LDL) nel sangue e allo sviluppo del colesterolo buono (HDL).

Proprietà Benefiche contro i Tumori

Molteplici studi scientifici, hanno dimostrato come il latte sia in grado di agire positivamente e preventivamente in caso di tumori. Infatti, è stato dimostrato come sia in grado di agire positivamente nel caso di tumore al seno e al colon.

Ovviamente, però, i suoi benefici si possono riscontrare soltanto se viene assunto con regolarità. Ciò vuol dire che, per prevenire determinati tumori, è necessario berne due bicchieri ogni giorno, proprio per ridurre il rischio di soffrire di tumore.

Proprietà Benefiche Protettive per i Denti

E’ stato scientificamente dimostrato come il latte riesca ad agire positivamente anche nei confronti dei denti, proteggendo lo smalto dentale dall’usura. I benefici, in questo caso, devono essere attribuiti alla caseina, un nutriente in esso contenuto, che formando una sorta di pellicola sulla superficie dentale, riesce a proteggere gli elementi dentali dall’erosione e dall’usura.

Dunque, la patina che la caseina forma sui denti, blocca la perdita di calcio, permettendo una maggiore protezione contro le sostanze aggressive per lo smalto, riducendo allo stesso tempo la formazione della carie, causata dal consumo di alimenti troppo zuccherati e così via.

Proprietà contro l’Ipertensione

A causa di una dieta sbilanciata e ricca di grassi e alimenti nocivi per l’organismo, è possibile soffrire di moltissime problematiche a livello di salute. In particolare, i soggetti che soffrono di pressione arteriosa elevata, consumando regolarmente latte e abbinandolo a una dieta più sana ed equilibrata, e integrando il consumo di frutta e verdura, hanno la possibilità di ridurre la pressione elevata ed evitare una serie di malattie che possono colpire l’apparato cardiocircolatorio e ulteriori problemi.

Proprietà Benefiche contro il Diabete di tipo II

Altri studi hanno dimostrato come il latte faccia davvero bene sia ai bambini che agli adulti, come per esempio a coloro che soffrono di determinate malattie, come il diabete di tipo II. In questo caso specifico, dunque, il latte contribuisce alla riduzione del diabete di tipo II, grazie alla ricca presenza di calcio e magnesio, che riescono a mantenere regolari i livelli di zucchero nel sangue.

Proprietà Idratanti

Non tutti sanno che il latte si rivela un valido e naturale idratante per ognuno. Infatti, molti studi scientifici hanno dimostrato che il latte è in grado di idratare l’organismo, favorendo allo stesso tempo il corretto funzionamento del cervello. Ciò vuol dire che, aiuta nella concentrazione e nella perdita di memoria, aumentando appunto la memoria e la concentrazione durante lo studio, il lavoro, ecc.

Proprietà contro l’Obesità

Numerosi studi hanno dimostrato anche come il latte sia in grado di prevenire l’obesità, naturalmente, sempre se inserito in un regime alimentare ipocalorico. Nello specifico, il calcio favorisce la perdita di grasso addominale e nei punti dove maggiormente accumulato.

I Diversi tipi di latte

Esistono diversi tipi di latte, perché non tutti possiamo consumare la stessa tipologia?

Come abbiamo appena detto, al giorno d’oggi, in commercio abbiamo una vasta scelta di prodotti a base di latte che possono essere consumati specialmente dai soggetti che soffrono di intolleranza al lattosio, ossia lo zucchero del latte.

Dunque, a seconda del proprio problema, è possibile preferire tra il latte privo di lattosio, come quello di riso, di soia, di mandorle e così via. Sebbene il latte rappresenti un alimento importante per l’uomo, in quanto si caratterizza da caratteristiche nutrizionali interessanti, in moti a causa di diverse problematiche, non possono consumare il cosiddetto latte vaccino, per via di allergie e intolleranze.

latte-vaccino-benefici

Con il termine latte alimentare, quindi, intendiamo un prodotto che si ottiene, per mungitura regolare e ininterrotta, che viene sottoposto a un serie di procedimenti e, che proviene da femmine di bovino.

A tal riguardo, però, bisogna sapere che esistono svariati tipi di latte, che si differenziano tra di loro per la percentuale di sostanze grasse, o per il tipo di processo a cui vengono sottoposti per la conservazione e il risanamento. Quindi abbiamo:

  • latte intero, che contiene al suo interno circa il 3,5% di materie grasse;
  • latte parzialmente scremato, la cui materia grassa è presente nella percentuale dell’1,5% o 1,8%;
  • latte scremato, la sostanza grassa è inferiore, ed è pari allo 0,5%.

Inoltre, a seconda del tipo di processo di risanamento che presenta, è possibile ottenere latte a breve conservazione, latte a media conservazione o latte a lunga conservazione, tra i più conosciuti. Quanto al latte a lunga conservazione, dunque, possiamo affermare che può essere denominato in questo modo, in quanto ha subito una sterilizzazione a lunga conservazione.

Tra i vari tipi di latte, distinguiamo anche quelli speciali, che sono indicati per tutti coloro che soffrono di intolleranza al lattosio, e non possono consumare il latte vaccino, proprio per via della presenza dello zucchero del latte. Per coloro che, invece, praticano determinate attività oppure soffrono di carenze nutrizionali, è disponibile in commercio un particolare tipo di latte, che è arricchito di vitamine, proteine, acidi grassi e così via.

Valori Nutrizionali del latte

Altamente nutrizionale e dotato di un elevato valore alimentare, il latte si rivela uno dei migliori alimenti da consumare per apportare benefici all’organismo, e soprattutto per evitare le carenze nutrizionali, in quanto ricco di nutrienti essenziali.

Dunque, il latte si costituisce da acqua per oltre l’85%, in cui sono contenuti lattosio, vitamine e minerali, fosfati, proteine e grassi. Quanto alle proteine del latte, la più nota è la caseina, ma non mancano grassi contenuti per circa il 4%, di cui una parte si costituisce da acidi grassi saturi e una piccolissima parte di acidi grassi insaturi.

Nel latte sono contenuti persino zuccheri, rappresentati in maggioranza dal lattosio, e proprio questi nutrienti sono quelli che conferiscono al prodotto il sapore dolciastro.

Quanto alle vitamine liposolubili, queste sono rappresentate dalla vitamina A ed E, ed in ricca percentuale, e in una percentuale ridotta è contenuta la vitamina D. Le vitamine idrosolubili, invece, sono rappresentate dalle vitamine appartenenti al complesso B e dalla vitamina C.

Moltissimi, inoltre, sono i sali minerali da cui è composto il latte e tra questi vediamo la presenza di:

  • calcio;
  • ferro;
  • rame;
  • magnesio.

Il Latte fa bene o fa male?

Il latte non fa male, al contrario fa bene all’organismo umano, in quanto possiamo definirlo un alimento completo ed estremamente bilanciato. Inoltre, fa bene anche a chi sta seguendo un regime alimentare dietetico, in quanto non contiene moltissime calorie al suo interno e non presenta moltissimi grassi, specialmente se si consuma quello scremato.

Tuttavia, a riguardo ci sono pareri contrastanti, in quanto c’è che sostiene che il latte faccia male, soprattutto per via degli zuccheri in esso contenuti, possono irritare la mucosa intestinale e provocare l’intolleranza al lattosio.

Inoltre, c’è chi afferma che nell’adulto il latte non è necessario, poiché si ritiene che il fabbisogno di calcio totale sia minore. A tal riguardo, però, bisogna sapere anche che, non tutti i latticini sono uguali tra di loro e non tutti contengono lo stesso tenore nutritivo.

Di fatti, i formaggi più stagionati, contengono al loro interno una ridotta quantità di lattosio, ma contengono comunque caseina, e fanno bene a chi purtroppo soffre di intolleranza al lattosio. Tuttavia, i latticini più stagionati devono essere consumati moderatamente, poiché il contenuto di colesterolo è maggiore.

In buona sostanza, possiamo affermare che il latte non è velenoso per l’organismo, quindi, non fa male, ma non risulta nemmeno indispensabile per la salute umana, in quanto non si tratta dell’unica fonte alimentare contenente calcio, per fortuna!

Differenze latte pastorizzato e sterilizzato

Che differenza intercorre tra queste tipologie di latte? Perché scegliere quello pastorizzato o quello sterilizzato?

Quando parliamo di sterilizzazione del latte, ci riferiamo a un processo con cui viene trattato il latte e che prevede temperature per appunto la sterilizzazione, piuttosto elevate. Infatti, con il processo di sterilizzazione il latte viene sterilizzato a una temperatura di almeno 120°C, in modo da eliminare tutti i microorganismi in esso presenti.

latte-latticini

Tuttavia, quello della sterilizzazione è un processo abbastanza pesante nei confronti dei nutrienti in esso presenti, in quanto vengono distrutti. A differenza di ogni altri tipo di latte, quello sterilizzato può essere conservato persino a temperatura ambiente. Ciò è possibile, perché dopo il processo di sterilizzazione, nel latte resta davvero una minima percentuale di batteri, che non possono nemmeno riprodursi.

Quanto al processo di pastorizzazione, invece ci riferiamo a un metodo che prevede l’eliminazione dei batteri, tramite calore e temperature alte, che però, diversamente dalla sterilizzazione non superano i 100°C.

Per quanto concerne la pastorizzazione, dunque, questo processo può essere eseguito in due differenti modi, e cioè a pastorizzazione bassa, che prevede l’eliminazione dei batteri a una temperatura di massimo 60°/65°C per un tempo di 30 minuti, e pastorizzazione alta, che prevede la sterminazione dei microorganismi a una temperatura di 75°/85°C per un tempo minimo di circa 15 secondi.

Ciò vuol dire che, con la sterilizzazione il latte viene sottoposto a una quantità di calore maggiore, mentre con la pastorizzazione il prodotto viene sottoposto a una quantità di calore minore. Nel primo caso, però, i valori nutrizionali sono quasi nulli, mentre nel secondo caso restano completamente intatti.

Il latte fa ingrassare?

Moltissime sono le persone che, convinte che il latte vaccino faccia ingrassare, lo escludono completamente dalla propria alimentazione. Tuttavia, a tal riguardo bisogna sapere che il latte non fa assolutamente ingrassare, anzi anche se sei a dieta non devi assolutamente rinunciare a uno o due bicchieri da bere a colazione, perché grazie alle sostanze in esso contenute, il latte permette l’eliminazione del grasso in eccesso.

Di fatti, moltissimi studi a tal riguardo hanno affermato che il latte permette di smaltire molto più facilmente i chili di troppo, permettendo persino di prevenire l’obesità.

Latte per dimagrire?

Stai seguendo una determinata dieta dimagrante? Sai che non devi assolutamente escludere il latte dalla tua alimentazione? Infatti, è stato dimostrato che il latte può essere consumato per dimagrire e smaltire i chili di troppo.

Infatti, da una ricerca condotta dall’Università di Ben-Gurion, in Israele, è stato dimostrato, che bere regolarmente latte provoca una considerevole perdita di peso, rispetto a chi non ne beve o ne assume in minori quantità.

Dunque, il latte è assolutamente consigliato nella dieta, specialmente per quanto concerne i prodotti caseari, come per esempio lo yogurt, che a basso contenuto di grassi permette il dimagrimento.

Latte e Calcio: Cosa sapere?

IL latte è sempre stato considerato un’ottima fonte di calcio per le ossa, proprio perché si rivela uno degli alimenti più ricchi di questo essenziale minerale per l’organismo umano. Per quale motivo il latte fa bene all’organismo? Perché aiuta a prevenire moltissimi disturbi delle ossa, come per esempio l’osteoporosi.

Tuttavia, a riguardo del suo effetto benefico nell’adulto, sono nati diversi pareri discordanti, poiché si ritiene che il latte vaccino non sia indispensabile per l’adulto, in quanto non si rivela l’unica fonte di calcio.

Infatti, per quanto riguarda il suo effetto benefico, è stato dimostrato che alcune tipologie di latte, come per esempio quello sterilizzato o scremato, non contengano i nutrienti essenziali per un corretto fabbisogno giornaliero, perché come abbiamo visto poc’anzi, il latte sterilizzato, comporta una considerevole riduzione dei nutrienti essenziali, a causa del suo processo di lavorazione.

Molti altri studi, hanno confermato persino che il regolare consumo di latte, in età adulta può essere attribuito al rischio di subire fratture ossee. A tal riguardo, quindi, bisogna sapere che bere latte in età adulta può dimostrarsi utile, specialmente per il raggiungimento nutrizionale di calcio, però il suo consumo non si rivela indispensabile.

Il latte nell’età adulta non si rivela indispensabile, perché il calcio in esso contenuto non è presente in quantità elevate, e per tal motivo può essere assunto da altri alimenti, persino, di origine vegetale come determinati tipi di verdura, tra cui broccoli, bieta, cavoli, crostacei, molluschi, fichi, avena, amaranto, farina di segale  così via.

Consumare regolarmente latte in età adolescenziale, però, si rivela particolarmente utile, tuttavia, in questo caso è da preferire la formula priva di lattosio, specialmente nel caso in cui è stata accertata l’intolleranza al prodotto.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.