Spaghetti alla Carbonara Light

0 584

Spaghetti alla Carbonara Light – Se siete a dieta, ma non sapete rinunciare ad un buon piatto di spaghetti alla carbonara, provate questa ricetta per cucinare una carbonara light, e poi fateci sapere cosa ne pensate!

Pasta alla Carbonara Light: Come Prepararla? È chiaro che non si tratta della classica ricetta della pasta alla Carbonara (quella con il guanciale o la pancetta fresca, i tuorli d’uovo, l’albume, il pecorino romano, sale e pepe), ma una versione che riduce le dosi e sostituisce il guanciale con un ben più magro (e meno saporito) prosciutto cotto magro.

Calorie Spaghetti alla Carbonara

Una porzione normale di Pasta alla carbonara, o meglio di spaghetti alla carbonara (per porzione normale intendiamo una porzione fatta da 80 grammi di spaghetti, 20 grammi di pancetta affumicata o guanciale, 10 grammi di parmigiano, 10 grammi di olio di oliva, mezzo uovo, sale e pepe) apporta circa 580 calorie.

Se da 80 grammi passiamo ad un piatto abbondante da 150 grammi chiaramente si raddoppiano le calorie, fino ad arrivare oltre le 1000 per un solo piatto di spaghetti.

Ricetta Spaghetti alla Carbonara Light

Ingredienti per 4 persone:

  • 280 Gr di Spaghetti
  • 2 Cucchiai di parmigiano Grattugiato
  • 2 Cucchiai di Olio Extravergine di Oliva
  • 2 Tuorli d’uovo
  • 1 Dl di latte parzialmente scremato
  • 100 Gr di prosciutto cotto magro in un’unica fetta
  • Sale e pepe nero

Preparazione: Mettete in una padella antiaderente il prosciutto tagliato a cubetti (quadratini) e lasciatelo rosolare sul fuoco basso con l’olio ed un goccio d’acqua per circa 6/7 minuti (a seconda dell’intensità del fuoco / del piano a induzione). Togliete dunque la padella dal fuoco e lasciate raffreddare, a questo punto salate e pepate il prosciutto.

In una terrina sgusciate i tuorli d’uovo e sbatteteli leggermente per poi incorporare il parmigiano, il latte ed un po’ di sale e pepe. Mescolate il tutto e fate cuocere gli spaghetti in acqua bollente salata (ricordate di tenere in una tazza un paio di cucchiai di acqua di cottura): scolate gli spaghetti al dente e rimettete la pasta nella pentola di cottura, dove a questo punto andremo ad unire il prosciutto ed il composto di uova e parmigiano.

Bagnate dunque il tutto con un cucchiaio di acqua di cottura della pasta e mescolate per insaporire: procedete dunque con l’impiccamento e servite subito,

Attenzione: ricordiamo che, così come prevede la ricetta originale, per preparare una buona pasta alla carbonara le uova non vanno cotte, quindi quando scegliamo le uova preferiamo quelle freschissime e di prima scelta!

buon appetito!

La storia degli spaghetti alla carbonara

Sembrerebbe che le origini degli spaghetti alla carbonara siano in realtà angloamericane, secondo quanto raccontato da Ada Boni, che non inserì fra i piatti della cucina romana gli spaghetti alla carbonara, perché in realtà questo primo piatto viene introdotto nella cucina romana solo con l’inizio della seconda guerra mondiale…

Proprio durante la seconda guerra mondiale, i soldati americani ha provato la pasta cacio e ova abbruzzese, e poi hanno trovato un altro ingrediente molto gustoso, il guanciale, o la pancetta affumicata, che provocava sembrerebbe ai soldati un vero e proprio senso di nostalgia verso la loro patria…

Pensaci un attimo: la tipica colazione america non è forse a base di uova e bacon / pancetta affumicata?

Ecco come sono stati originariamente messi insieme questi ingredienti per far nascere la carbonara, un piatto che, a quanto pare, in realtà non ha origini italiane ma americane: questi soldati si trovavano sugli appennini, ed è proprio così che il piatto è arrivato a Roma, dove è stato tramandato di famiglia in famiglia fino a diventare una “tradizione romana”.

Nella ricetta originale era previsto l’utilizzo del guanciale tagliato a listarelle fini e messo a rosolare fino a diventare croccante!

Se quest’articolo ti è piaciuto metti mi piace, commenta oppure condividilo su Facebook e ricorda di seguire la nostra pagina per non perdere le gustosissime ricette dietetiche!

Nota: Articolo pubblicato per la prima volta il 25/09/2015, revisionato il 13/08/2018

Scrivi un commento, fai una domanda, racconta la tua esperienza:

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.